ECOLOGIA

Come abbiamo visto i creativi culturali sono molto attenti, fra i tanti valori, all’ecologia e quindi alla salvaguardia dell’ambiente che ci circonda.

Prezioso e sempre più a rischio, il nostro Pianeta viene tenuto in enorme considerazione da questo gruppo e le loro scelte vengono effettuate in un’ottica di ecologia e risparmio energetico.

Decisamente attenti a ridurre sprechi, consumi ed emissioni nocive per l’ambiente, i creativi culturali impostano la loro vita in una dimensione di rispetto e di salvaguardia.
Riciclano il più possibile e, in fase di acquisto preferiscono prodotti a basso impatto o costruiti tramite materiali di riciclo. Producono e creano loro stessi quello che possono fare da soli e, in caso contrario, si affidano a marchi e prodotti il più possibile naturali nel pieno rispetto del Pianeta e delle sue risorse.

Nelle loro abitazioni, conducono uno stile di vita sano e naturale.
Praticano la raccolta differenziata, riutilizzano quello che possono riutilizzare, producono, quando possono, i propri ortaggi oppure optano per prodotti a km 0.
All’interno delle loro case si trova un’attenzione particolare al risparmio energetico. Optano per pannelli solari così da produrre la propria energia e si affidano a  stufe a pellet idro , come quelle prodotte da Ravelli, per riscaldare gli ambienti.

I creativi culturali conducono quindi uno stile di vita in linea con i loro ideali consci che uno dei beni più preziosi è proprio l’ambiente in cui viviamo. Riflettendoci bene è un atteggiamento che, soprattutto negli ultimi tempi, cerchiamo di adottare un po’ tutti.
Quante volte spegniamo le luci che non servono? Quanti praticano la raccolta differenziata? Quante volte cerchiamo di dare nuova vita ad oggetti che magari hanno finito il loro corso?

ecologia creativi

Questa è la prova che questo gruppo sociale, decisamente spontaneo, è molto più ampio e numeroso di quanto si creda. Guardandosi intorno non si può far altro che notare quanto questi comportamenti siano sempre più diffusi, adottati e condivisi da una percentuale della popolazione sempre più ampia.
Ogni volta che decidete di camminare invece che spostarvi con mezzi inquinanti, ogni volta che acquistate prodotti costruiti con materiali di riciclo e ogni volta che fate una scelta in funzione del risparmio energetico e dell’utilizzo di materiali naturali, assumete un comportamento “creativo culturale” atto alla salvaguardia del Pianeta che abitiamo.

Quanto sarebbe bello se lo facessimo tutti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *